fitbit ionic recensione modello grigio antracite-min
Smartphone, tablet & lettori ebook Smartwatch

Fitbit Ionic Recensione di uno smartwatch figo ma ancora in fase embrionale

Fitbit Ionic Smartwatch & Sportwatch

9.5

Qualità/prezzo

9.9/10

Qualità dei materiali

9.5/10

Facilità di utilizzo

9.5/10

Estetica

9.0/10

Uso in mobilità

9.5/10

Pros

  • Un gioiellino di tecnologia
  • Zeppo di funzioni (utili)
  • Touch reattivo
  • Non perde mai la connessione con lo smartphone
  • Misura passi, battiti e qualità del sonno

Cons

  • Cinturino in gomma per quello argento
  • Mancanza di accessori ufficiali
  • Caricabatterie proprietario

FITBIT IONIC Recensione e specifiche tecniche di uno smartwatch/sportwatch dal grande potenziale (ma ancora imperfetto)

La curiosità verso lo smartwatch/sportwatch Fitbit Ionic era in parte mitigata dal fatto di trovarmi bene con il TCL MoveTime (qui la mia recensione) che finalmente mi consentiva di poter ricevere notifiche praticamente da tutto, di avere una buona interfaccia grafica e soprattutto dall’essere robusto.

Il Fitbit in questione lo supera in diversi campi ma soffre per taluni aspetti rispetto al TCL MoveTime, quindi ogni tanto farò qualche riferimento in merito.

FITBIT IONIC RECENSIONE ESTETICA

Molto ricercata: per nulla pacchiana nonostante possieda uno schermo abbastanza ampio (altrimenti servirebbe un microscopio). Il cinturino è di tipo sportivo, in silicone semirigido che non è molto trendy però è robusto e resiste a qualunque cosa. Lo stesso non me la sento di dirlo in riferimento al display: essendo curvo e senza alcuna protezione ho il puro terrore che un colpo involontario ben assestato lo possa mandare ko, quindi lo controllo di continuo. Reputo FONDAMENTALE l’acquisto della pellicola più resistente che trovate.

N.B. Nel TCL invece la ghiera esterna protegge molto bene lo schermo, ovviamente spigoli contro quest’ultimo esclusi…Meno bella da vedere ma mi rende più tranquillo.

LA SCONCERTANTE ISCRIZIONE AL FITBIT CLUB

Ormai ho fatto il callo all’iscrizione obbligatoria per poter usufruire dei vari aggeggi smart, spacciate come fondamentali per mantenere lo storico dei tuoi dati…come se non fosse possibile farlo in locale. Vabbè, ormai ho creato pure un indirizzo email apposito, nemmeno per “inquinare” quello personale. Lo inserisco, scelgo la password, acconsento al trattamento dei dati e mi appare la maschera dove mi chiede il nome, l’età, l’altezza, il peso e il sesso. La cosa sconcertante è che altezza e peso erano preimpostati…ed erano ESATTAMENTE le mie misure. Non un calcolo medio bla bla, erano proprio le mie con tanto di 178,4 cm (giusto per essere precisi) x 75 kg. Dove abbiano preso tali misure dal mio smartphone (non avendo precedenti servizi Fitbit attivi) è un mistero ma è assolutamente inquietante.

L’APP PER L’USO DEL FITBIT IONIC

L’app del Fitbit Ionic è molto graziosa: stabile, intuitiva (impostazioni dell’orologio a parte…per accedervi dovete toccare il disegno dell’orologio stesso in alto, non esattamente il massimo non trovare tutto ciò dentro le opzioni…), aggiornata se si vuole anche in tempo reale. L’installazione iniziale richiede pazienza. Con un Alcatel non ha battuto ciglio e non ho notato nessun crash, mancato aggiornamento, mancata sincronizzazione e buona parte del resto che leggo in molte recensioni. Fortuna o amore a prima vista con l’Alcatel? Tuttavia l’aggiornamento iniziale dell’orologio richiede una mezz’ora buona. Non me l’aspettavo ma proprio degli aggiornamenti non mi lamento, specie se corposi: non possono che migliorare il prodotto, quindi ben vengano. E’ stato comunque un successo al primo colpo, è stato importante solo tenere lo smartphone attivo per tutto il tempo (altrimenti andava in standby sia lui che l’aggiornamento).

Tramite l’app è possibile configurare i plugin utilizzabili dal Fitbit Ionic, così da poter disabilitare quelli che pensiamo di non usare (tipo quello per condividere i propri percorsi di footing oppure quello per pagare in modo contactless). Peccato che le applicazioni siano pochissime e alcune non utilizzabili. Mancano quelle di terze parti, grave mancanza ma spero momentanea. Carina ma da fare giusto un paio di volte quella relax: in pratica vi guida durante la respirazione per rilassarvi.

fitbit ionic recensione-min

FITBIT IONIC RECENSIONE SU PERFORMANCE E MISURAZIONI

Premesso che ha la fondamentale (per me) funzione di attivare lo schermo quando uno fa il movimento naturale per controllare l’ora, non mi piacciono per nulla i vari stili di quadrante: troppo arzigogolati, molto moderni ma allo stesso tempo poco intuitivi. Poi de gustibus, preferisco avere un quadrante classico come nel TCL MoveTime.

La misurazione costante del battito cardiaco funziona alla grande, sempre che il cinturino sia ben saldo e col sensore a contatto con la pelle. Ho fatto la scale con 20 litri di latte in braccio e mi son goduto il test cardiaco in diretta. A proposito di scale, dovrebbe segnare pure quante ne fate ma me ne conta la metà…boh. Tutto il resto, dai passi ai momenti di attività seria, sembra coerente…forse sovrastima i passi, ma niente di trascendentale in base alle prime prove.

La misurazione del sonno è la migliore che ho provato, persino meglio di quella ottima dei Nokia Steel (ex Withings): non solo misura pure i battiti cardiaci associandoli ai momenti di sonno, ma è precisissima. Allego report di una notte particolarmente turbolenta e assolutamente veritiera.

fitbit ionic recensione analisi del sonno-min

Tramite l’app è possibile creare piani di allenamento personalizzati che seguano persino il peso, l’alimentazione e la quantità di acqua bevuta, stabilendo dei traguardi. A proposito dell’acqua sognavo un promemoria che mi ricordasse di bere invece che mettere io manualmente i bicchieri d’acqua inghiottiti…ma non ci sono riuscito e spero ardentemente venga implementato in una nuova versione. Così com’è è inutile, posso farmelo da solo il conto dei bicchieri che bevo…vorrei qualcosa che mi ricordasse di berli!

RECENSIONE DELLA BATTERIA DEL FITBIT IONIC: WOW!

Batteria davvero “WOW” considerando che ho impostato il controllo live di tutte le funzioni e l’aggiornamento continuo con lo smartphone (il TCL MoveTime era praticamente manuale, una noia…ti scordavi di sincronizzare e perdevi i dati del giorno precedente). La carica è tramite cavo proprietario magnetico: ormai c’ho fatto il callo ma mi è piaciuto perché l’aggancio è saldo e la carica veloce. La batteria mi dura in media tre giorni ma credo potrei arrivare a quattro limitando le notifiche. Il TCL MoveTime arriva a un giorno e mezzo.

fitbit ionic recensione modello grigio antracite-min

ALTRI ASPETTI DEL FITBIT IONIC

E’ impermeabile, quindi potete fare anche le vasche in piscina (poi però va asciugato e pulito). Lo schermo è ben visibile e il touch reattivo. Le notifiche in diretta appaiono per un intervallo di tempo davvero troppo breve, però poi possono essere consultate tutte di seguito in modo abbastanza chiaro (non permetto ma ci può stare). La musica può essere sincronizzata con lo smartphone con connessione diretta a delle cuffie bluetooth, così da non avere noie durante la corsa o l’attività fisica.

RECENSIONE DEL FITBIT IONIC: CONCLUDENDO…

Mi sarei aspettato l’eccellenza da un prodotto che costa più di 350 euro ma non lo reputo (ancora?) tale. Da quanto leggo c’era moltissima attesa in merito legata a funzioni che allo stato attuale ancora non ci sono, cosa che ovviamente può far girare le scatole a chi l’ha comprato pensando di poterne usufruire. Ovviamente c’è fiducia perché vengano implementate presto (altrimenti sai che figura…) ma questo penalizza la votazione attuale. A piene funzioni gli avrei dato 4 stelle al prezzo attuale, per salire a 5 se fosse andato sotto i 300 euro. Ad oggi, gliene assegno tre: è un buon prodotto ma deve ancora aspirare all’eccellenza.

Attenzione massima al colore: quello terra bruciata costa più di 60 euro in più di quello grigio ed è uguale!

 

Giudizio globale (qualità/prezzo): 

Acquistalo scontato direttamente da Amazon.it: FITBIT IONIC